Vollein: geologia, arte rupestre e cultura neolitica

Quart


Descrizione del percorso

Il geosito di Vollein (Quart) racchiude su una superficie limitata diversi aspetti geologici, geomorfologici e culturali di assoluto rilievo.

Si possono osservare le manifestazioni geologiche di due fenomeni.
Il primo, legato alle grandi glaciazioni del passato, lasciò evidenti tracce di morfologia glaciale, tra cui il dosso montonato, caratterizzato dalle sue strie e dalla sua forma tipica, e i massi erratici, blocchi rocciosi trasportati dal ghiacciaio e qui depositati in fase di ritiro.
Il secondo fenomeno si è imposto solo in un tempo successivo, ed è noto presso la comunità scientifica come “deformazione gravitativa profonda di versante”: in presenza di determinate condizioni di instabilità (tuttora esistenti), il versante subisce un lieve e lentissimo scivolamento verso il basso causando spaccature nella roccia, evidenti deformazioni e profonde trincee.

A questo contesto si affiancano aspetti culturali di notevole pregio, quali l’arte rupestre che qui trova espressione nelle incisioni a coppelle sulle rocce montonate, e la necropoli neolitica, una tra le più ricche e significative della Valle d’Aosta.

La necropoli, individuata nel 1968 nei pressi dell’omonimo villaggio, sorge nel settore più depresso del dosso montonato. Gli scavi archeologici hanno portato alla luce 66 tombe a cista, ossia a forma di cassetta di pietra sporgente dal terreno, composte da quattro lastroni montanti e di una lastra di copertura debordante i lati della tomba.

La visita al geosito offre inoltre una stupenda balconata sulla valle centrale.

Come arrivare:
Dall’uscita dell’autostrada A5 a Nus imboccare la S.S. n° 26. In corrispondenza dell’imbocco della strada per Chetoz , sulla destra si trova la Cava di La Plantaz.
Per raggiungere Vollein, dal bivio di Chetoz, proseguire sulla destra in direzione Séran, poi verso Pillod. Giunti al primo bivio imboccare a destra la strada per Argnod, Vignil fino a raggiungere l’abitato di Vollein.

Note tecniche:
Quota: compresa tra 500 m e 900 m
Durata totale della visita: 1/2 giornata
Periodo consigliato: primavera, estate, autunno; in inverno l’itinerario è praticabile in assenza di neve.

Percorso:
Partendo dal fondovalle la prima sosta proposta si trova non lontano da La Plantaz, situata tra gli abitati di Villefranche e di Nus, in corrispondenza del ponte sulla ferrovia, presso il piazzale di cava al margine della strada (1).
Per raggiungere Vollein dalla cava di La Plantaz prendere il bivio per Chetoz; proseguire sulla destra in direzione Séran, poi verso Pillod. Giunti al primo bivio imboccare a destra la strada per Argnod, Vignil fino a raggiungere l’abitato di Vollein.
Parcheggiata l’auto presso il centro abitato tornare indietro a piedi per circa 200 metri ; scendere lungo un sentiero delimitato da una staccionata in legno verso una zona depressa che consente, andando a sinistra, di attraversare la trincea principale (2). Da qui è possibile raggiungere la parte centrale del dosso dove si trova l’area a rocce montonate con i massi erratici, la necropoli ed i settori più intensamente pervasi dalle grandi fratture (3).
Sebbene siano stati individuati questi ultimi due punti di osservazione preferenziali, sia i massi erratici sia le fratture sono disseminati in tutta l’area ed impongono quindi una osservazione in itinere.
Si consiglia la visita al tramonto.

 
Meteo
Meteo

Dettagli
Aosta
°C
°C
Aree turistiche
Aree turistiche

Monte Bianco

Aosta e dintorni

Gran S. Bernardo

Gran Paradiso

Monte Rosa

Monte Cervino

Valle Centrale

Offerta turistica
Offerta turistica
Webcam
Webcam
Nus - St. Barthélemy

Mappa webcam       Località
Pila

Mappa webcam       Località
Fenis - Castello

Mappa webcam       Località
Aosta - Arco d'Augusto

Mappa webcam       Località
Aosta - Piazza Chanoux

Mappa webcam       Località