Arte e cultura

La Valle del Gran San Bernardo è stata importante già in epoca romana come luogo di transito verso l'Elvezia, e tracce della strada romana, resa carrozzabile nel I sec. d.C., sono ancora visibili al colle che porta in Svizzera.

Per il successivo periodo medievale, si ricorda l'importanza dell'Ospizio, a cui si aggiunge il "Château Verdun", edificio del X sec. sito nel comune di Saint-Oyen, donato da Amedeo III di Savoia ai Canonici dell'Ospizio del Gran San Bernardo, che se ne servirono come stazione di sosta. La costruzione, che presenta particolari architettonici e arredi di grande pregio, è destinata al soggiorno di persone e gruppi in cerca di tranquillità e spiritualità.

Numerose sono anche le residenze di famiglie nobili titolari dei vari feudi sparsi nella zona: il castello dei signori di Bosses a Saint-Rhémy-en-Bosses, la casa Ayez ad Allein, la torre di Gignod, la Tornalla di Valpelline e quella di Oyace, unica torre a pianta ottagonale, che una leggenda vorrebbe costruita da un gruppo di Saraceni profughi in quel luogo.

Merita un'attenzione particolare il borgo medioevale di Etroubles. Una passeggiata tra le vecchie stradine in ciottolato, gli splendidi fontanili da cui zampilla l'acqua fresca proveniente dal Mont Vélan, le antiche abitazioni recentemente ristrutturate in pietra locale con tetti in lose, l'enorme campanile quattrocentesco; la chiesa ottocentesca con splendidi affreschi, è l'ideale per trascorrere alcune ore in libertà.

; ;
 
Meteo
Meteo

Dettagli
Aosta
°C
°C