Via ferrata del Bicentenario al Mont Chetif

Courmayeur

  • Difficoltà:
    F - Facile
  • Periodo consigliato:
    dal 01/06 al 30/09
  • Esposizione:
    Est
  • Partenza:
    Dolonne-La Visaille (1216 m)
  • Arrivo:
    Mont Chetif (2343 m)
  • Dislivello:
    1250 m
  • Durata Andata:
    7h00

Accesso

Casello autostradale di Courmayeur. Proseguire per il centro paese e giunti all’abitato seguire le indicazioni per Dolonne. Dopo il sottopasso svoltare a destra e raggiungere il parcheggio del palazzetto dello sport (questo posteggio è vietato i lunedì dispari di ogni mese).

Il Mont Chetif è chiamato la montagna di Dolonne. Sovrasta e “protegge” questa località come un signore silenzioso. Il sentiero attrezzato che ne insegue le linee di debolezza è facile e permette un incredibile panorama sul gruppo del Bianco in più punti, ma è anche faticoso. Questa ferrata è stata costruita per il bicentenario della prima salita al Monte Bianco (Balmat-Paccard 1786).


Descrizione del percorso

Dal parcheggio si percorre in salita la strada asfaltata che conduce al palazzetto che si ha sulla sinistra, e poi si prende a destra sino al cartello indicatore che punta verso il bosco. Si segue la traccia (segnavia 4) fra gli alberi e si incontrano due bivi. Si prende in entrambi i casi a sinistra (cartelli) e si continua leggermente costeggiando dei muretti sino ad incontrare un nuovo cartello che va verso destra. Si sale un sentiero a tornanti sino ad uno spettacolare tetto di roccia. Si raggiungono quindi le catene che puntano verso destra. Si effettua una traversata, vi è un passetto con scalini e cavo d’acciaio e poi si ricomincia a traversare a destra su passi facili ma esposti. Si rimonta un costolone zigzagando e raggiungendo un lungo tratto attrezzato discontinuamente. Si prosegue in una pineta che porta ad un belvedere. Si devia a sinistra attaccando poi una rampa ascendete verso destra. (Fare attenzione al primo gradino metallico perché non è fisso). Si esce su un sentiero che taglia a sinistra e poi nuovamente a destra, si raggiunge un ponte e si continua con sempre meno tratti attrezzati. Si superano due tornanti di sentiero esposti e si arriva quindi ad una barra rocciosa sotto la parete est del Mont Chetif. Si svolta quindi a sinistra scendendo per catene e ricominciando poi a salire su traccia. Si continua sino a raggiungere un ripetitore. Si procede incontrando un bivio con cartello indicatore (2250 m). Si prende a destra in salita ed in 15’ si è in vetta. Dal vertice è possibile scendere ancora per raggiungere la balconata belvedere e la statua della Regina Pacis. Per scendere occorre ritornare indietro sino al bivio di quota 2250 m e prendere il sentiero per Corba (segnavia 5). Si scende in un canale detritico che poi a destra porta all’alpeggio di Pra Neyron. Si continua per sterrata a sinistra oltrepassando gli impianti e presso un tornante s’incrocia il sentiero a sinistra che scende verso Dolonne. Arrivati in paese lo si attraversa a sinistra sino ai parcheggi.
Per percorrere la ferrata in maggior sicurezza è consigliabile farsi accompagnare da una guida alpina.

Meteo
Meteo

Dettagli
Aosta
°C
°C
Aree turistiche
Aree turistiche

Monte Bianco

Aosta e dintorni

Gran S. Bernardo

Gran Paradiso

Monte Rosa

Monte Cervino

Valle Centrale

Offerta turistica
Offerta turistica
Webcam
Webcam
Arpy

Mappa webcam       Località
Courmayeur - Courba Dzeleuna

Mappa webcam       Località
Courmayeur - Punta Helbronner

Mappa webcam       Località
Courmayeur - Val Ferret

Mappa webcam       Località
La Thuile

Mappa webcam       Località