Le origini romane

“Vari resti dell’età romana venuti alla luce su tutto il territorio di Aymavilles testimoniano la presenza nella zona di una importante comunità sin dal I sec. a.C. In quest’area si sarebbe inoltre trovata la cava di bardiglio che ha fornito il materiale di rivestimento dal caratteristico colore grigio-verde a gran parte dell’architettura monumentale di Augusta Praetoria, l’Aosta romana. La traccia più consistente lasciata dai Romani è tuttavia il grandioso ponte-acquedotto gettato sulla Grand-Eyvia in località Pondel, da alcuni collegato allo sfruttamento delle miniere di Cogne (la cui esistenza in epoca romana non è tuttavia dimostrata), da altri ritenuto l’imponente sostruzione di un canale irriguo destinato alle terre della collina tra Aymavilles e Villeneuve. Una iscrizione murata nella parete verso valle ne ricorda l’esecuzione, in una data corrispondente all’anno 3 a.C., ad opera Caio Avilio e Caio Aimo Patavino. Al nome di uno di questi, Aimo, è tradizionalmente fatta risalire l’origine della denominazione del comune, la cui seconda parte (“villes”) sembra riferirsi alla presenza nel luogo, almeno sin dal Medioevo, di due diverse comunità.”

Tratto da: “La grande enciclopedia della tua regione – La Valle d’Aosta paese per paese” Editore Bonechi

Contacts

A.P.T. Cogne Gran Paradiso
P.zza Chanoux, 36
11012 COGNE (AO)
  • Téléphone:
    0165.74040 - 0165.74056
  • Télécopie:
    0165.749125
 
Meteo
Meteo

Détails
Aosta
°C
°C
Zones touristiques
Zones touristiques

Mont-Blanc

Grand Paradis

Grand-Saint-Bernard

Aoste et environs

Mont-Cervin

Mont-Rose

Vallée Centrale

Webcam
Webcam