Chiesa parrocchiale della Natività di S. Maria

Montjovet

La storia della parrocchia di Montjovet è molto complessa. Nella bolla del papa Alessandro III del 20 aprile 1176 è menzionata tra le chiese dipendenti dal vescovo di Aosta la “ecclesia sancti Eusebii de Plubeio”, ubicata verosimilmente nella piana di Montjovet. Il toponimo Publey compare anche tra le tappe del viaggio da Canterbury a Roma compiuto dall’abate Sigerico nell’anno 990 lungo la via detta “francigena”. Due ospedali, fondati nel Borgo e nel villaggio di Plout, garantivano nel Medioevo l’assistenza ai viandanti. Non si conosce il punto preciso in cui doveva trovarsi la parrocchiale di S.Eusebio, forse distrutta con numerose altre case da una enorme frana che nel sec. Xlll sconvolse la collina di Montjovet, modificando la topografia della zona e l’asse viario principale. La sede della parrocchia fu forse già allora trasferita nel Borgo, la cui chiesa, dedicata alla Madonna, conserva ai nostri giorni alcuni elementi gotici. All’inizio del XV sec. fu costruita una chiesa succursale in onore di S. Eusebio e S. Leodegario (Léger) vicino alla Dora, in località Savi, ma anche questa fu distrutta, assieme al cimitero, da una inondazione nell’ottobre del 1586. Verso il 1590 in località Plangerp fu costruita un’altra succursale, dedicata come la chiesa più antica a S. Eusebio. Vi si celebravano le Messe festive e i funerali. La parrocchia di Montjovet, originariamente amministrata da sacerdoti diocesani, fu ceduta nel 1433 alla prevostura di Saint-Gilles di Verrès, alle cui dipendenze rimase, tra numerose controversie, fino alla metà del Settecento, allorché passo nuovamente nelle mani del vescovo di Aosta. Per un certo periodo, al tempo della dipendenza da Saint-Gilles, il diritto di nomina del parroco fu detenuto dalla nobile famiglia Challant.

L’attuale chiesa parrocchiale, sotto il titolo della Natività di Maria Vergine, costruita intorno al 1830, fu consacrata il 3 maggio 1837. E’ un edificio a pianta rettangolare ad unica navata, molto luminosa con abside circolare. Dell’arredo interno, risalente al secolo scorso, l’oggetto di maggior pregio è senza dubbio l’organo, dovuto alla ditta Carlo Vegezzi-Bossi (1897).
Rimaneggiato più volte nel tempo, fu riportato alle condizioni originali in occasione del restauro del 1990.
Il campanile fu costruito nel 1832 ad alcuni metri di distanza dalla chiesa, sopra uno sperone di roccia. Nella cella campanaria, aperta da quattro ampie monofore, sono collocate cinque campane, una delle quali, datata 1522, proviene dalla chiesa del Borgo. Dalla piazzetta adiacente si può ammirare con un unico colpo d’occhio il bel complesso formato dalla chiesa, dal campanile e dalla casa parrocchiale, una costruzione dell’epoca napoleonica in cui ha avuto sede nel passato anche il municipio.

Contatti

Parrocchia
frazione Berriaz, 62
11020 MONTJOVET (AO)
  • Telefono:
    0166/579001
  • Fax:
    0166/579800
 
Meteo
Meteo

Dettagli
Aosta
°C
°C
Aree turistiche
Aree turistiche

Monte Bianco

Aosta e dintorni

Gran S. Bernardo

Gran Paradiso

Monte Rosa

Monte Cervino

Valle Centrale

Webcam
Webcam
Chamois

Mappa webcam       Località
Champorcher

Mappa webcam       Località
Saint Vincent - Col de Joux

Mappa webcam       Località