Saint-Marcel

Allo sbocco dell’aspro vallone omonimo, sul versante orografico destro della Dora, a 630 metri di altitudine, Saint-Marcel è una località già conosciuta in epoche remote per i suoi giacimenti minerari. Dalle numerose miniere, ancora oggi visitate da ricercatori e studiosi, si estraevano minerali di manganese e di calcopirite.

L’agricoltura è basata principalmente sugli alberi da frutta, ed è la maggiore fonte di reddito per gli abitanti.

La chiesa parrocchiale di San Marcello, originaria del ‘700, ha subìto notevoli rimaneggiamenti; il campanile è di epoca cinquecentesca, costruito su un’antica torre preesistente.

Nella zona umida denominata “Les îles”, dichiarata riserva naturale regionale nel 1995, è possibile osservare uno dei pochi ambienti fluviali dove sostano oltre 130 specie diverse di uccelli fra i quali l’airone, il germano reale, la folaga e la gallinella d’acqua. L’area si trova non distante dalla sponda orografica destra della Dora Baltea, occupa circa 35 ettari di terreno e comprende due laghetti.

Il clima di Saint-Marcel rispecchia quello della zona dell’envers della Valle che, con esposizione a Nord, è caratterizzato da scarsa insolazione durante alcuni mesi invernali. Il calore estivo, invece, è mitigato dalla brezza di fondovalle che spira quotidianamente da Est verso Ovest nelle ore pomeridiane (lou battèn). Saint-Marcel è noto per le scarse precipitazioni, ed è considerato il polo di siccità nel contesto dell’arco alpino, con una media di soli 494 mm. di pioggia annui.

Numerose sono però le sorgenti, le cui acque debitamente captate, alimentano grandi e piccoli acquedotti che soddisfano adeguatamente le esigenze degli abitanti dei villaggi e delle case sparse.

Da Saint-Marcel è possibile compiere interessanti gite al Santuario di Plout (958 m.), dedicato a “Notre Dame des Hermites”, ed all’area attrezzata per pic nic in località Les Druges, dalla quale inizia il facile sentiero che, in 30 minuti, conduce al sito minerario di Servette (contattare le guide per l’eventuale visita delle gallerie).

Tra gli itinerari che iniziano nei pressi dell’area pic nic e si sviluppano lungo il vallone sovrastante la frazione, il piccolo lago del Layet, incastonato tra i monti, costituisce una suggestiva meta per gli escursionisti in cerca di pace e tranquillità.

 
Meteo
Meteo

Dettagli
Aosta
°C
°C
Aree turistiche
Aree turistiche

Monte Bianco

Aosta e dintorni

Gran S. Bernardo

Gran Paradiso

Monte Rosa

Monte Cervino

Valle Centrale

Webcam
Webcam
Aosta - Piazza Chanoux

Mappa webcam       Località
Aosta - Arco d'Augusto

Mappa webcam       Località
Fenis - Castello

Mappa webcam       Località
Nus - St. Barthélemy

Mappa webcam       Località
Pila

Mappa webcam       Località