Patrì

Cogne


Accesso

Dal parcheggio della Valnontey, imboccare la pista pedonale che costeggia la riva destra idrografica del torrente. Seguirla interamente prestando attenzione agli attraversamenti della pista di fondo e rimanendo sempre sul versante destro idrografico. Giunti nei pressi del giro di boa della pista di fondo, dirigersi a sinistra lungo la traccia del sentiero estivo che prosegue con andamento quasi pianeggiante. Oltrepassare il bivio per i Casolari di Money e raggiungere in piano un’area in cui il bosco è più fitto. Tralasciare a destra la traccia principale che sale verso il Ponte dell’Erfaulet e dirigersi a sinistra (traccia e indicazioni normalmente presenti) in salita. Ci si porta così su una larga dorsale fuori dal bosco, da dove si vede la cascata. In breve se ne raggiunge la base. È consigliabile depositare il materiale prima, ovvero a ridosso delle prime rocce che si incontrano. In questo punto infatti si transita nuovamente al termine della discesa a piedi. Consiglio: chiudere bene gli zaini per evitare di essere saccheggiati dalle volpi. Da qui, una sequenza di risalti ghiacciati (spesso coperti dalla neve) conduce all’attacco vero e proprio. 1 ora.


Descrizione del percorso

La più classica tra le classiche in Valnontey... e non solo. Sicuramente la linea più frequentata della valle. Da evitare, possibilmente, nei fine settimana: coda assicurata! È da sapere però che in presenza di numerose cordate si riesce comunque a salire senza pregiudicare la sicurezza della progressione. La cascata infatti è formata da numerosi salti indipendenti; questione di aspettare che le cordate davanti abbiano terminato il tiro.
Prestare attenzione in caso di abbondante nevicate oppure di condizioni generali di instabilità del manto nevoso. Contrariamente a quanto si possa pensare, la cascata è piuttosto esposta alle valanghe… specialmente a quelle di grandi dimensioni.
La valutazione tecnica WI3 tiene ovviamente conto del percorso più facile; inutile dire che sono possibili numerose varianti di maggiore difficoltà.
Pochi metri a sinistra dell’attacco della cascata si forma ogni tanto un interessante sigaro: una bella alternativa per decongestionare l’eventuale affollamento sulla linea principale.

Viene di seguito descritto il percorso più semplice e diretto che prevede l’effettuazione di tiri medio/lunghi. Esistono anche altre possibilità di salita, quando il ghiaccio lo consente, che prevedono soste intermedie (generalmente attrezzate a fix). Il consiglio ovviamente è quello di non sovraffollare le stesse soste ma cercare di essere più autonomi possibile: il ghiaccio fortunatamente permette notevoli personalizzazioni dell’itinerario.

Difficoltà: III/3
Lunghezza: 250 m
Prima salita: G. C. Grassi, P. Marchisio 1985
Quota: 1950 m
Esposizione: Ovest Nord Ovest
Coordinate: Lon.: 7,32951 Lat.: 45,552873 – UTM (ED50) – X: 369694,56 Y: 5045926,15

L1: il primo salto della cascata può essere affrontato in più punti. Il percorso più facile prevede il superamento di un diedro ghiacciato poco ripido a sinistra, seguito da un traverso verso destra fino al termine del salto. 60 m. Sosta su roccia a destra (fix). A questa sosta si può anche arrivare direttamente superando due bei risalti sostenuti inframmezzati da un ampio terrazzo quasi orizzontale su cui eventualmente si può sostare.
L2: portarsi a sinistra ed affrontare un risalto ghiacciato inizialmente ripido poi più appoggiato fino al termine. Camminare quindi fino ad un grande blocco roccioso. 40 m. Sosta in alto a destra sul blocco (fix).
L3: camminare qualche decina di metri fino alla base di un breve risalto ghiacciato che si supera facilmente in centro. Sosta su roccia in alto a sinistra (fix).
Breve trasferimento fino alla base della parte alta della cascata.
L4: il largo muro ghiacciato della parte alta consente di salire ovunque, seguendo almeno 4 linee indipendenti. 40-50 m. In tutti i casi, la sosta si trova prima della strozzatura rocciosa, in alto a destra (fix).
*L5°: portarsi a sinistra in centro alla stretta goulotte e risalirla fino al suo termine. Sosta su roccia in alto a destra (fix).

Discesa: in caso di necessità è possibile scendere in doppia da qualsiasi sosta (fix). La soluzione più pratica per la discesa invece consiste nel scendere in doppia dall’ultimo salto (2 calate). Da qui, dirigersi a piedi in diagonale verso destra (faccia a valle) per abbassarsi lungo una sorta di canale che costeggia la sponda destra idrografica della cascata. Si ritorna esattamente nel punto in cui sono stati depositati gli zaini. Attenzione in caso di copiose nevicate, i pendii che si scendono sono brevi ma piuttosto ripidi. È consigliabile mantenere i ramponi calzati durante tuta la discesa.

Testo e foto tratti da Effimeri barbagli (M. Giglio, 2014), la guida completa delle cascate di ghiaccio in Valle d’Aosta.

 
Meteo
Meteo

Dettagli
Aosta
°C
°C
Aree turistiche
Aree turistiche

Monte Bianco

Aosta e dintorni

Gran S. Bernardo

Gran Paradiso

Monte Rosa

Monte Cervino

Valle Centrale

Offerta turistica
Offerta turistica
Webcam
Webcam
Cogne

Mappa webcam       Località
Rhemes Notre Dame

Mappa webcam       Località
Saint Nicolas

Mappa webcam       Località
Valgrisenche

Mappa webcam       Località
Valsavarenche

Mappa webcam       Località